Vico Acitillo 124
Poetry Wave

Recensioni e note critiche

Serge Latouche, La sfida di Minerva 
di Antonio Spagnuolo



Serge Latouche, La sfida di Minerva, Bollati Boringhieri,2000-
pagg.184, L. 26.000

Che fare? L段ntelligenza sequenziale che sino ad oggi ha caratterizzato la nostra cultura occidentale
sembra cedere inavvertitamente il passo alle intelligenze artificiali, segno indiscutibile di evoluzioni epocali,
che contraddistinguono attualmente la caduta della diversificazione intellettuale.
La mente finisce con apparire diversamente conformata nei suoi elementi basilari di conoscenza , perdendo
quelle che sono le esponenzialità dell段nformazione e della memoria, nel mentre  l段dentità  diventa un luogo
privilegiato per il puzzle del pensiero di una categoria sempre sfuggente del genere umano .
Con un meraviglioso calcolo logico, dal cuore stesso della propria immaginazione , il mondo può divenire
un termine di rimando o di rimpianto, un possesso geloso, ottenuto attraverso la sfida del razionale contro il vuoto
degli obiettivi raggiunti dalla ragione economica o dalle intelligenze simultanee, appannaggio esclusivo
dell置niverso giovanile, che fatica sempre di più a seguire il carattere sequenziale delle intelligenze stesse.
溺a è veramente ragionevole il comportamento razionale dell置omo moderno che, - scrive l誕utore
nella introduzione, manipolando la natura, va alla ricerca del massimo profitto per la maggiore felicità di tutti
e di ciascuno? E un sistema così basato sulla sfrenata competizione economica e tecnica, sotto il segno
della ragione occidentale, corrisponde realmente a un modello di saggezza.
Partendo da una intelligente ricognizione della esperienza africana, quale terra di elezione del fallimento
dello sviluppo, ove appare onnipresente  l段rrazionalità economica, ed è ancora presente la interferenza
della stregoneria nel lavoro quotidiano, Latouche richiama alcune frasi di un articolo di Franco Cassano:
鏑脱uropa non riuscirà ad essere un soggetto culturale creativo fino a quando non sarà in grado di opporre
la sua capacità di mediazione al fondamentalismo del Nord-Ovest, ai miti della tecnica ad ogni costo
e della competizione libera e selvaggia, a una insularità  oceanica.E l置manità intera ad aver bisogno
di elaborare tale mediazione.
Il volume insegna, con profonda partecipazione ed intelligente proposta, che il vocabolo 菟rogresso designa
all弛rigine la marcia in avanti e la parola 都viluppo la crescita dei vegetali e degli animali, così come molti termini
del vocabolario economicoAi non occidentali tali proposte potranno apparire allucinatorie, ma le stesse metafore,
in mancanza dell段mmaginario sociale, sarebbero le medesime difficoltà che si incontrano nel pervenire
a conoscenze astratte.


Indice recensioni e note critiche
La realizzazione informatica della rivista è curata da Dedalus srl
Immagine: Antonio Belém, Phorbéa, Napoli 1997


Per informazioni, si prega contattare:
Emilio Piccolo e/o Antonio Spagnuolo